La Corte di Cassazione ha detto sì al semaforo giallo più veloce.

La Suprema Corte, infatti, ha deciso che il tempo del semaforo giallo potrà passare, in molte città italiane, dagli attuali 4, a 3 secondi.

Il risultato sarà, con ogni probabilità, una pioggia di sanzioni a carico degli automobilisti. Perché, se è vero che in molte città la durata del giallo è già tarata sui 3 secondi, è anche vero che sulle nostre strade urbane i limiti di velocità vengono poco rispettati e così non bastano 3 secondi per frenare un auto in corsa a 50 km orari.

Uno studio del Consiglio nazionale ricerche CNR, infatti, il 10 settembre 2001 ha scritto le “Norme sulle caratteristiche funzionali e geometriche delle intersezioni stradali”: al paragrafo 6.7.4, c’è la “Determinazione dei tempi di giallo”. E indica durate di 3, 4 e 5 secondi per velocità dei veicoli in arrivo pari, rispettivamente, a 50, 60 e 70 km/h.

In presenza di traffico pesante con veicoli di lunghezza massima pari a 18,75 metri, compresi autocarri, autobus, fìlobus, autotreni, autoarticolati, autosnodati, filosnodati e vetture tramviarie, è indicata una durata di 4 secondi anche per velocità di 50 km/h.

Ultime notizie

Movimento Difesa del Cittadino – Friuli Venezia Giulia valuta in maniera estremamente negativa il tentativo da parte di Sparkasse di…

Continua a leggere

Gentilissima/o Associata/o e Simpatizzante, Ti chiediamo la Tua collaborazione per partecipare a un sondaggio promosso insieme alla Banca d’Italia. Attraverso…

Continua a leggere

Premesso che, i ns. Legali sono intervenuti nei giudizi di responsabilità promossi avanti al Tribunale di Venezia nei confronti di…

Continua a leggere
Campagna 5x1000
Hai un problema o hai subito un disservizio?

Segnalaci la tua problematica al telefono o tramite email, oppure scopri la sede più vicina e fissa un appuntamento.
Metteremo a tua disposizione la nostra competenza e professionalità.

Contattaci subito