“La vendita dei #farmaci di #fasciaC rimane in #farmacia. Vittoria dei pazienti, soprattutto degli anziani”. Con questo tweet il Ministro della Salute Lorenzin annuncia uno dei punti più controversi del ddl concorrenza approvato oggi dal Consiglio dei Ministri.

Sarebbe da dire: Vittoria dei Farmacisti che hanno fermato il processo di liberalizzazione. Ok, invece, alla progressiva scomparsa del mercato tutelato nel mercato dell’energia e del gas a partire dal 2018. Via ai costi di recesso nei servizi di telefonia, Internet e Pay TV.

Mentre si attende il documento ufficiale del Governo, in cui vengono elencate le misure contenenti nel disegno di legge annuale per il mercato e la concorrenza, il Ministro Lorenzin anticipa uno dei risultati più attesi del Consiglio dei Ministri odierno, ovvero la “mancata” norma sulla liberalizzazione dei farmaci di fascia C: dunque i farmaci di fascia C continueranno ad essere venduti solo nelle farmacie!.

“L’aver evitato che i farmaci di fascia C, come gli psicofarmaci, possano essere venduti nei supermercati o nelle parafarmacie è innanzitutto una vittoria dei Cittadini, poichè garantisce la loro salute e la sicurezza nella distribuzione dei farmaci più sensibili dichiara il Ministro in un comunicato – Abbiamo indicato tutte le criticità che questo tipo di scelta avrebbe comportato: un aumento sensibile del consumo di farmaci e quindi un conseguente abuso nella somministrazione; un danno per le piccole farmacie, a partire da quelle rurali; condizioni per un aumento progressivo della spesa farmaceutica; quindi la fine della “farmacia dei servizi” così come previsto dal Patto della Salute firmato con le Regioni nel luglio 2014. Abbiamo altresì salvaguardato la valutazione in capo alle regioni dei fabbisogni sanitari, in sede di autorizzazione di nuove strutture, che ci aiuterà nell’applicazione del Patto della Salute e nello svolgimento del ruolo di  controllo dei Lea da parte di Agenas”.

“Abbiamo inteso proporre una serie di norme a favore del Consumatore” ha detto in conferenza stampa il Ministro dello Sviluppo Economico Guidi illustrando le misure del ddl concorrenza, partendo dalle norme che agevolano il diritto di recesso nel settore delle TLC (telefonia, Internet e pay TV) riducendo i costi di disattivazione e le penali per chi decide di recedere prima dal contratto!

Ultime notizie

Movimento Difesa del Cittadino – Friuli Venezia Giulia valuta in maniera estremamente negativa il tentativo da parte di Sparkasse di…

Continua a leggere

Gentilissima/o Associata/o e Simpatizzante, Ti chiediamo la Tua collaborazione per partecipare a un sondaggio promosso insieme alla Banca d’Italia. Attraverso…

Continua a leggere

Premesso che, i ns. Legali sono intervenuti nei giudizi di responsabilità promossi avanti al Tribunale di Venezia nei confronti di…

Continua a leggere
Campagna 5x1000
Hai un problema o hai subito un disservizio?

Segnalaci la tua problematica al telefono o tramite email, oppure scopri la sede più vicina e fissa un appuntamento.
Metteremo a tua disposizione la nostra competenza e professionalità.

Contattaci subito