A tutti i Parlamentari nazionali ed europei eletti in Friuli V.G. ed in Veneto,

a tutti i Consiglieri regionali,

a tutti i Sindaci del Friuli V.G. e del Veneto.

A tutti gli Organi di Stampa.

 

 

Il governo Gentiloni, per mano del sottosegretario Baretta sta commettendo un’azione gravissima che impedirà a migliaia di soci delle banche popolari venete di ottenere un risarcimento per l’esproprio dei risparmi.

Nonostante quel governo sia solo un simulacro, esso intende agire in modo spregiudicato per completare la truffa ai danni dei risparmiatori e del territorio veneto. Con la fretta e la superficialità che ha caratterizzato l’attività politica e di governo della scorsa legislatura, tutte le parti politiche avevano dato voto favorevole alla legge istitutiva del “fondo di ristoro”, senza accorgersi del trabocchetto che esso conteneva. Poi, anche a seguito della nostra costante azione di denuncia, in molti hanno visto che quella legge altro non è che uno dei tanti subdoli inganni che i governi Renzi – Gentiloni hanno consumato sulla pelle dei Veneti e dei cittadini italiani.

La stampa riporta che il sottosegretario Baretta, che neppure è stato rieletto, esulta nel comunicare che i decreti attuativi sono pronti e sono il frutto del proficuo lavoro di collaborazione con le associazioni dei risparmiatori. Come in tante altre occasioni il sottosegretario Baretta non

riferisce con esattezza le situazioni. Il governo, per sostenere e legittimare le proprie scelte si è costruito una corte di associazioni che asseriscono rappresentare i risparmiatori ma che di fatto rappresentano la parte politica governativa ed i propri interessi. Avvalendosi del supporto di tali

associazioni il governo ancora una volta mistifica la realtà ed afferma di poter agire in sintonia con i risparmiatori. E’ FALSO!Le associazioni dei risparmiatori che sottoscrivono il presente documento non sono mai state interpellate dal governo e dal sottosegretario Baretta. Le sottoscritte associazioni, che rappresentano la stragrande maggioranza dei soci delle banche popolari venete e del centro Italia, da mesi manifestano con scritti, incontri pubblici, azioni sociali la propria avversione al fondo di ristoro in quanto si tratta di un imbroglio, di una legge scritta per agevolare, ancora una volta, quella finanza che ha fatto una sfacciata speculazione sulla pelle

dei risparmiatori, del tessuto economico del Veneto, dei cittadini italiani tutti che dovranno pagare a Banca Intesa il finto salvataggio delle banche, che in realtà è uno straordinario business.

 

A tutti i destinatari della presente chiediamo di intervenire in ogni modo lecito al fine di impedire che la legge istitutiva del fondo di ristoro diventi esecutiva. In qualsiasi maniera vanno fermati i decreti attuativi.

 

Noi risparmiatori confidiamo nella lealtà delle forze politiche che in campagna elettorale hanno dichiarato di voler risarcire i risparmiatori. A loro, ma anche ai tanti onesti che militano in differenti partiti, ci rivolgiamo invitando tutti a riflettere su quale ginepraio giuridico si troverebbe il nuovo governo che davvero volesse varare provvedimenti che effettivamente andassero a risarcire i risparmiatori. Sarà oltremodo difficile armonizzare la legge sul fondo di ristoro con la nuova legge a favore di tutti i risparmiatori, salvaguardando i diritti di coloro che avessero presentato domanda di ristoro e senza creare procedure parallele etc.. E’ dunque sempre più

evidente che il governo Gentiloni vuole avvelenare i pozzi per rendere difficile, se non impossibile, il risarcimento dei risparmiatori, risarcimento che dovrebbe essere pagato con i soldi degli amici del governo (sia si attinga al fondo interbancario che ai “favolosi” fondi dormienti, sia che si

usino gli NPL sui quali i banchieri amici del governo Gentiloni contano di fare ottimi affari o che paghi Banca Intesa ).

 

Movimento Difesa del Cittadino – Friuli V.G.

Dott. Raimondo Gabriele Englaro

 

Movimento Difesa del Cittadino – Veneto

Avv. Matteo Moschini

 

Coordinamento Associazioni Banche Popolari Venete “don Enrico TORTA”

Avv. Andrea Arman

 

Noi che credevamo nella banca popolare di Vicenza e Veneto banca

Luigi Ugone

 

Associazione soci banche popolari

Gianni Miazzo

 

Azionisti Associati banca Popolare di Vicenza

Dott. Caterina Baratto

 

ADUSBEF

Avv. Paolo Polato

 

Ridacci i soldi Veneto Banca

Fabio Bello