Informativa ai Risparmiatori ex soci Popolare di Vicenza e Veneto Banca
 
PORTALE CONSAP_MDC FVG: nuova schermata semplificata consente inserimento facilitato delle Domande al FIR. 
R.G. Englaro: superate criticità grazie ad interazione collaborativa con Segreteria Tecnica Consap
A. Atzori: rassicuriamo Tutti i Risparmiatori che alcuna domanda verrà rigettata in automatico e tutti i richiedenti avranno la dovuta assistenza, perchè l’esame della domanda è garantito!
 
Dal 16 Ottobre c.a., è stata attivata la nuova schermata del portale FIR-Consap con la semplificazione di alcune sezioni,
per un'inserimento facilitato della domanda da parte dei Risparmiatori.
La procedura è stata semplificata in conseguenza dell’accordo con le Banche che forniranno documenti “semplificati” ai Risparmiatori,
per poterli inserire nel portale con una procedura guidata.
Lo Staff del Servizio FIR CONSAP procederà a contattare le AA.CC. ed i Rispamiatori che hanno già avviato e/o completato l’inoltro dell’istanza per integrare la documentazione e rettificare i dati eventualmente già inseriti. 
A. Atzori, Movimento Difesa del Cittadino FVG: rassicuriamo Tutti i Risparmiatori che alcuna domanda verrà rigettata in automatico e
tutti i richiedenti avranno la dovuta assistenza, perchè l’esame della domanda è garantito!.
Dal 21 Ottobre c.a. verranno pubblicati sul sito web del portale i "Video Tutorial" per agevolare i Risparmiatori nei vari step di presentazione dell’istanza.
La Segreteria Tecnica Consap sta aggiornando delle novità, in modo selettivo, tutte le Associazioni dei Risparmiatori.
 

Il Pres. di MDC FVG, R.G. Englaro: "dalla Segreteria Tecnica Consap abbiamo ricevuto il chiarimento sulle nuove voci inserite nelle schede semplificate del Portale aggiornato,
ossia il  PREZZO MEDIO DI CARICO FISCALE ed il COSTO TOTALE DI ACQUISTO/CONTROVALORE in quanto l’aggiornamento della sezione dedicata allo strumento finanziario
è stato pensato e realizzato al fine di semplificare la compilazione e l’inoltro delle richieste di indennizzo, così come auspicato e condiviso anche dalla ns. associazione con la Segreteria Tecnica CONSAP, con cui dialoga costantemente, e dalle Banche, in specie Intesa SanPaolo!.

Infatti, in contraddittorio con gli istituti di credito interessati dalla vicenda che ci occupa, è stato ritenuto necessario ed opportuno allineare quanto risulta dal dettato normativo (costo di acquisto) rispetto alla documentazione in concreto producibile dalle banche ai risparmiatori che ne facciano richiesta.

L’utilizzo di un valore medio di carico, pur non essendo normativamente previsto risponde ad una soluzione di sintesi al fine di uniformare valori eterogenei e multipli per lo stesso strumento finanziario.  La natura dinamica dell’azione che genera l’acquisto/la vendita del titolo a più riprese non consente una verifica puntuale e dettagliata del prezzo e relativi calcoli successivi intervenuti sullo stesso strumento. Pertanto, l’uso di un prezzo medio di carico è finalizzato a poter esaminare correttamente un valore unitario delle operazioni intervenute sullo strumento finanziario.
 
Sul punto, segnaliamo inoltre che il rilascio della nuova interfaccia è stato doverosamente pubblicizzato tramite tempestiva comunicazione a mezzo mail indirizzata a tutti gli Utenti registrati (circa 9000); perlatro, si tratta di evidenziare  dati certi, ossia,a tutto il 15/10/1'9, le istanze inserite sono 5985 mentre quelle in fase di compilazione sono 9633, perdipiù quelle per le quali saranno necessarie integrazioni non sono calcolabili in quanto l'istruttoria non è ancora iniziata!.
 
Fermo quanto sopra, teniamo in ogni caso a precisare che i valori inseriti tramite il portale, verranno doverosamente riscontrati e verificati alla luce della documentazione bancaria allegata a corredo della domanda, nonché della ulteriore documentazione che eventualmente potrebbe essere acquisita presso i soggetti a vario titolo coinvolti per la definizione dell’istruttoria.
 
Quanto invece alla possibilità di indennizzare la tassa eventualmente anticipata dai Risparmiatori ai fini dell’affrancamento, il dettato normativo fa riferimento ai soli oneri fiscali inclusi nel costo di acquisto degli strumenti finanziari. Pertanto, non essendo l’importo per l’affrancamento connesso al costo di acquisto, su istanza del Movimento Difesa del Cittadino,  la materia sarà oggetto di valutazione della Commissione Tecnica MEF, la cui determinazione sul punto sarà regolarmente resa nota sul portale del FIR.
 
La Segreteria MDC FVG ha altresì sollecitato, per le vie formali, al Sottosegretario con delega al FIR, Alessio Villarosa, la proroga dei termini di presentazione delle domande di almeno 1 mese, in specie per la Procedura di tipo Arbitrale, che necessita della definizione della tipizzazione relativa all'aggiotaggio "falso in bilancio o falso in prospetto ( molte indagini sono in corso)" sopratutto la documentazione da allegare,  attestante le violazioni massive del T.U.F. che hanno causato un pregiudizio ingiusto agli aventi diritto da parte delle banche in liquidazione, per poter dimostrare il nesso di causalità fra la violazione del Tuf da parte della banca e il danno subito ( mentre è pacifica per le restanti 5 tipizzazioni realtive a " Non trasparenza per informazione non idonea" , " Operazioni Baciate con acquisti imposti di titoli", " Profilatura carente per incongruo su età o patrimoni", " Variazione del profilo con cambio prima della vendita o collocamento dei titoli", "Disinvestimenti con vendita di titoli di altra banca"!.

                                  
Sportello Assistenza FIR del Movimento Difesa del Cittadino FVG- dal Lun. al Sab. matt. -
a disposizione dei Rispamiatori per istruire le domande evitando errori formali-procedurali
il servizio di ricevimento - su appuntamento -  nella Segreteria regionale di Viale Tricesimo 123 a Udine, scrivendo a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Uff.  0432 490180 r.a. - 0432 545255 dir.

Mob. 335 5830536 – 338 2086200 – 347 8624225