Cartella notificata a persona diversa: è valida oppure NO? 
MDC FVG: Invitiamo i Cittadini in difficoltà a rivolgersi alla Sportello Sos Ag. Riscossione ex-Equitalia 
 

 
La questione è di massima importanza. Difatti, se non prontamente informato, il destinatario può correre il rischio di non esercitare i propri diritti o di doverli esercitare entro tempi più limitati rispetto a quelli previsti dalla legge. 
 

A tal proposito, il Movimento Difesa del Cittadino segnala un importante sentenza della Commissione Tributaria Provinciale di Roma, 16774/18, secondo cui “se, è in atti la raccomandata di notifica della cartella impugnata, ricevuta da familiare convivente, ma non risulta spedita la c.d. raccomandata informativa (Cass. 2868/2017; 11051/2018) che deve essere spedita in tutti i casi in cui l’atto è ricevuto da persona diversa dal destinatario la cartella deve essere annullata, in virtù del fatto che l’art. 26 d.p.r. 602/73, all’ultimo comma, richiama espressamente l’art. 60 d.p.r. 600/1973, laddove lo stesso recita “per quanto non è regolato dal presente articolo si applicano le disposizioni dell’art. 60”, che impone la predetta raccomandata informativa. 
 
In conclusione, la sentenza in parola ha ribadito il principio generale secondo cui è  consentito consegnare copia dell’atto da notificare a persona diversa dal destinatario, purché successivamente sia inviata la c.d. raccomandata informativa. 
La sentenza in parola costituisce un esempio virtuoso di giustizia! 
 
Invitiamo i Cittadini in difficoltà a rivolgersi alla sportello di MDC FVG Sos Ag. Riscossione ex-Equitalia. 

 

Il Movimento Difesa del Cittadino del F.V.G., resta a disposizione di tutti i Cittadini Utenti per assistenza.  

Per info scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e/o chiamare: Uff. 0432 490.180 r.a. Cell. 335/ 5830.536 - Cell. 347 8624.225 

 

L’AGENTE DI RISCOSSIONE NON DISPONE DEGLI ATTI DI NOTIFICA DELLE CARTELLE DI PAGAMENTO? MDC: IL DEBITO PUÒ ESSERE ANNULLATO!

 

Il Movimento Difesa del Cittadino dà notizia di un’importante vittoria per i Contribuenti vessati da notifiche di atti di intimazione di pagamento, pignoramenti su conti correnti bancari, iscrizioni ipotecarie, fermi amministrativi.  

Il Giudice di Pace di Roma, con la sentenza n. 5665/19 ha affermato chel’Amministrazione è tenuta a rispettare le cadenze imposte dalla legge, in base alle quali la notificazione della cartella costituisce un adempimento indefettibile. Nella predetta sequenza, quindi, l’omissione della notificazione di un atto presupposto costituisce vizio procedurale che determina la nullità dell’atto consequenziale notificato, nullità che può essere fatta valere dal contribuente con l’impugnazione dell’atto consequenziale 

Divenuti giuridicamente inesistenti gli atti presupposti, l’atto notificato è improduttivo di effetti e, pertanto, va dichiarato inefficace.  

La dichiarazione di inefficacia dell’atto impugnato, quindi, estingue il diritto del Concessionario di procedere difettando validi titoli esecutivi”.  

In conclusione, il Centro Giuridico MDC FVG dichiara che l’azione esecutiva è soggetta alla corretta e rituale notifica degli atti prodromici. Diversamente, l’Agente della riscossione non può procedere nei confronti del contribuente.  

MDC si augura che la sentenza in parola costituisca un esempio virtuoso di giustizia.  

                                                                                 

Il Movimento Difesa del Cittadino del F.V.G., invita i Cittadini in difficoltà a rivolgersi allo Sportello SOS Ag. Riscossione ex Equitalia 

il quale resta a disposizione di tutti i Cittadini Utenti per assistenza.  

Per info scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e/o chiamare: Uff. 0432 490.180 r.a.  

Cell. 335/ 5830.536 - Cell. 347 8624.225