“Nascosti tra le righe della legge delega Madia “Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche” emergono alcuni articoli che prospetterebbero una drastica limitazione alla possibilità di gestione pubblica dell’acqua e dei servizi essenziali”. Lo denunciano le AA.CC. secondo cui si tratta di “un disegno indegno, che metterebbe in discussione la volontà del 96% dei Cittadini che hanno votato al referendum, esprimendo loro netta contrarietà a privatizzazione dell’acqua”.

Per questo è stato chiesto un chiarimento urgente al Ministro ed al Parlamento intero di bloccare ogni ipotesi che vada in questa rischiosa direzione. Non si possono cancellare così le scelte dei Cittadini!

Ultime notizie

Campagna 5x1000
Hai un problema o hai subito un disservizio?

Segnalaci la tua problematica al telefono o tramite email, oppure scopri la sede più vicina e fissa un appuntamento.
Metteremo a tua disposizione la nostra competenza e professionalità.

Contattaci subito