La battaglia a difesa della qualità del Made in Italy alimentare si fa dura: oggi migliaia di allevatori, casari e consumatori hanno protestato insieme in piazza Montecitorio, lanciando il “referendum” contro il “formaggio senza latte” che Bruxelles vuole imporre con la lettera di costituzione in mora appena inviata dal Segretariato generale della Commissione Europea alla Rappresentanza permanente d’Italia presso l’Unione Europea sull’infrazione n.4170.

Si è aperto per i prossimi mesi un duro braccio di ferro!. La petizione lanciata dalla Coldiretti chiede l’impegno del Governo e del Parlamento per garantire la norma vigente, che l’Unione Europea vorrebbe modificare, sul divieto di detenzione e utilizzo della polvere di latte, al fine di tutelare i cittadini, garantendone la massima consapevolezza e di difendere la distintività e l’eccellenza del vero Made in Italy agroalimentare di cui il settore lattiero-caseario rappresenta una componente strategica in termini economici e di reputazione dell’Italia nel mondo.

In tanti si sono uniti alla manifestazione di oggi che ha visto allevatori, casari e consumatori unitinsieme in difesa della qualità del made in Italy lattiero-casearia, contro le pressioni di quella parte di industria che vuole continuare ad importare prodotti da spacciare come Made in Italy.

Alla manifestazione sono intervenuti per il Governo il Ministro delle Politiche agricole e il Ministro dell’Ambiente, numerosi parlamentari presenti ed alcune AA.CC.

Dopo l’aranciata senza arance, una diffida dell’Unione Europea obbliga il nostro Paese ad eliminare il divieto di detenzione ed utilizzo del latte in polvere, latte concentrato e latte ricostruito per la fabbricazione di prodotti caseari. In pratica si dà il via libera alla produzione di formaggi e prodotti caseari di qualità discutibile, senza vero e proprio latte. Un inaccettabile adeguamento al ribasso che i cittadini, i produttori, il Paese, l’economia non possono accettare. Questo appiattimento e omologazione verso produzioni decisamente più scadenti delle nostre sono un danno non solo per i Cittadini che portano in tavola questi prodotti, ma anche per chi li produce e per l’intero sistema economico. Siamo sempre stati grandi sostenitori dell’Europa, ma non di questa Europa che punta in basso, che vuole distruggere sacrosanti ed innegabili diritti, ormai acquisiti dai Cittadini italiani!!.

Ultime notizie

Movimento Difesa del Cittadino – Friuli Venezia Giulia valuta in maniera estremamente negativa il tentativo da parte di Sparkasse di…

Continua a leggere

Gentilissima/o Associata/o e Simpatizzante, Ti chiediamo la Tua collaborazione per partecipare a un sondaggio promosso insieme alla Banca d’Italia. Attraverso…

Continua a leggere

Premesso che, i ns. Legali sono intervenuti nei giudizi di responsabilità promossi avanti al Tribunale di Venezia nei confronti di…

Continua a leggere
Campagna 5x1000
Hai un problema o hai subito un disservizio?

Segnalaci la tua problematica al telefono o tramite email, oppure scopri la sede più vicina e fissa un appuntamento.
Metteremo a tua disposizione la nostra competenza e professionalità.

Contattaci subito