Sanzioni a chi si rifiuta di accettare pagamenti con carta. Perché se è vero che il Governo sta aumentando il limite alla circolazione del contante, portando il tetto a 3 mila euro, accade anche che l’obbligo di accettare pagamenti superiori ai 30 euro di fatto risulti privo di sanzione. Così la petizione lanciata da Cashlessway su change.org chiede sanzioni per chi non accetta i pagamenti con carta: “Presidente Renzi, per sostenere il diritto di usare i pagamenti elettronici, nel rispetto di quei Cittadini che per onestà e razionalità vogliono poterlo fare quando acquistano beni e servizi, privati o pubblici, Le chiediamo di introdurre nella legge di Stabilità 2016 la sanzione per tutti i commercianti e professionisti che si rifiutano di accettare pagamenti con carta!”.

Prosegue la petizione: “Coloro che vedono nell’epayment una delle soluzioni per abbassare i costi, contrastare l’evasione, la criminalità, il riciclaggio e il pericolo sociale, scegliendo di utilizzare il meno possibile contanti e monetine, possono contare solo su una legge priva di sanzione che sulla carta obbliga il commerciante ad accettare pagamenti con carta se superiori a 30 euro, ma di fatto, se non lo fanno, non succede nulla”.

Per Cashlessway, che si occupa di promuovere la moneta elettronica, c’è ora una “disparità evidente tra chi preferisce utilizzare il contante e chi la moneta elettronica. Oggi infatti chi vuole pagare cash può farlo dappertutto e con il limite a 3000 potrà farlo ancora più facilmente!

Chi invece intende usare la carta di credito, prepagata o bancomat, deve andare nei negozi che hanno scelto di accettarla e che si muovono molto comodamente dentro un paradosso normativo: sono obbligati ad accettare le carte ma non vengono sanzionati se rifiutano!. Per non parlare poi dei nuovi strumenti di pagamento, come quelli legati allo smartphone: la diffusione è ancora più unica che rara. Da ricordare che il contribuente italiano è per l’82% un dipendente o un pensionato che dichiara in media 16.213 euro (2014), con un interesse molto limitato a utilizzare grandi somme di contanti!!.

Ultime notizie

Movimento Difesa del Cittadino – Friuli Venezia Giulia valuta in maniera estremamente negativa il tentativo da parte di Sparkasse di…

Continua a leggere

Gentilissima/o Associata/o e Simpatizzante, Ti chiediamo la Tua collaborazione per partecipare a un sondaggio promosso insieme alla Banca d’Italia. Attraverso…

Continua a leggere

Premesso che, i ns. Legali sono intervenuti nei giudizi di responsabilità promossi avanti al Tribunale di Venezia nei confronti di…

Continua a leggere
Campagna 5x1000
Hai un problema o hai subito un disservizio?

Segnalaci la tua problematica al telefono o tramite email, oppure scopri la sede più vicina e fissa un appuntamento.
Metteremo a tua disposizione la nostra competenza e professionalità.

Contattaci subito