Sull’eliminazione dei costi di recesso dal contratto telefonico e sulla riduzione delle penali in caso di recesso anticipato il Governo non deve farsi intimorire dalle lobby ma deve andare avanti: è la posizione espressa da alcune AA.CC. alla vigilia del Consiglio dei Ministri che dovrebbe approvare un disegno di legge sulla concorrenza nel quale, è stato anticipato, sarebbe appunto compreso uno stop ai costi di recesso nelle telecomunicazioni.

L’eliminazione dei costi di recesso e la riduzione delle penali in caso di recesso anticipato, come anche la riduzione a 12 mesi della durata del vincolo contrattuale e,  in caso di disdetta il pagamento dei soli ultimi 2 mesi di sconti applicati,  contenuti nel DDL Concorrenza in discussione, trova assolutamente favorevoli i Consumatori, anche perché si tratta di proposte formulate già dai tempi del decreto Bersani.

Con l’adozione di tali misure nel DDL Concorrenza si scriverebbe una pagina importante che riequilibrerebbe finalmente il rapporto consumatore-azienda. Rivolgiamo un appello al Governo, perché non si faccia intimorire dalle lobby delle aziende e non modifichi la bozza”.

Ultime notizie

Movimento Difesa del Cittadino – Friuli Venezia Giulia valuta in maniera estremamente negativa il tentativo da parte di Sparkasse di…

Continua a leggere

Gentilissima/o Associata/o e Simpatizzante, Ti chiediamo la Tua collaborazione per partecipare a un sondaggio promosso insieme alla Banca d’Italia. Attraverso…

Continua a leggere

Premesso che, i ns. Legali sono intervenuti nei giudizi di responsabilità promossi avanti al Tribunale di Venezia nei confronti di…

Continua a leggere
Campagna 5x1000
Hai un problema o hai subito un disservizio?

Segnalaci la tua problematica al telefono o tramite email, oppure scopri la sede più vicina e fissa un appuntamento.
Metteremo a tua disposizione la nostra competenza e professionalità.

Contattaci subito