Allerta nichel nelle protesi dentali: la denuncia arriva dall’Aiop, l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica, che ha analizzato in laboratorio alcune protesi dentali nelle quali si è evidenziato un contenuto eccessivo di nichel che potrebbe portare ad allergie. Il materiale con cui sono fatte le protesi dentali dovrebbe essere sempre reso noto al paziente e garantito tramite certificati per evitare conseguenze fastidiose dopo l’installazione, in particolare allergie. Il consiglio quindi è quello di chiedere sempre al dentista il certificato di conformità, affidandosi a professionisti del settore.

L’AIOP ha acquistato alcune protesi e le ha fatte analizzare nel laboratorio del dipartimento di Fisica industriale dell’Università di Bologna; dopodiché ha segnalato ai NAS la presenza di rischi: anche in Italia vengono vendute protesi senza il certificato di conformità, che non dichiarano la presenza di alte percentuali di nichel. 

Nel dettaglio, l‘Aiop ha acquistato online su siti specializzati due corone: sono state consegnate prive di certificato di conformità e una conteneva una percentuale elevata, circa il 60%, di nichel non dichiarato. Alcune protesi che erano già state utilizzate sui pazienti non sono risultate conformi: contenevano il 70% non dichiarato di nichel oppure la composizione di metalli si è rivelata completamente diversa rispetto a quanto riportato sul certificato.

Si consiglia di affidarsi a professionisti, seguendo pochi semplici regole per limitare i rischi:

  • domandare al dentista quale materiale intende usare e farsi spiegare i pro e i contro;
  • comunicare sempre le eventuali allergie;
  • chiedere il certificato di conformità. Per legge l’odontotecnico deve sempre fornire al dentisti una dichiarazione di conformità per ogni protesi che fornisce, ma il dentista stesso non è obbligato a consegnarla al paziente, a meno che non venga richiesto esplicitamente;
  • dopo che la protesti è stata installata seguire scrupolosamente i consigli del medico su pulizia e manutenzione;
  • segnalare tempestivamente qualsiasi reazione.

Ultime notizie

Movimento Difesa del Cittadino – Friuli Venezia Giulia valuta in maniera estremamente negativa il tentativo da parte di Sparkasse di…

Continua a leggere

Gentilissima/o Associata/o e Simpatizzante, Ti chiediamo la Tua collaborazione per partecipare a un sondaggio promosso insieme alla Banca d’Italia. Attraverso…

Continua a leggere

Premesso che, i ns. Legali sono intervenuti nei giudizi di responsabilità promossi avanti al Tribunale di Venezia nei confronti di…

Continua a leggere
Campagna 5x1000
Hai un problema o hai subito un disservizio?

Segnalaci la tua problematica al telefono o tramite email, oppure scopri la sede più vicina e fissa un appuntamento.
Metteremo a tua disposizione la nostra competenza e professionalità.

Contattaci subito